miadieta.it
 
La Dieta migliore? Sceglila in base all’età
Per dimagrire in modo efficace non basta mettersi a dieta: bisogna anche saper scegliere la dieta giusta in base all’età.
A venti, trenta o quarant’anni, infatti, l’organismo ha ritmi ed esigenze diverse, specialmente a livello metabolico, e solo assecondandole si può perdere peso in fretta e nel modo più corretto.

Questo vale soprattutto per i secondi piatti, ricchi di proteine e grassi di origine animale, la cui assimilazione varia molto in base al periodo biologico.

Ecco allora qualche consiglio utile per perdere peso in fretta… con il secondo giusto!

A 20 anni

Questa è l’età in cui è necessario imparare regole di vita corrette, da capitalizzare come un bagaglio prezioso.
A tavola il consiglio più prezioso è variare, abituandosi a mangiare di tutto nelle giuste quantità.
I secondi piatti devono seguire la massima alternanza, per fornire all’organismo tutti i principi nutrizionali di cui ha bisogno per essere sempre in forma e scattante.
Due porzioni di uova, due di legumi, due di pesce e due di salumi, più tre di carne e tre di formaggio sono la giusta miscela per mantenersi in forma o perdere peso prima dei trent’anni.
Ecco una tabella per non sbagliare:

  • Carne bianca o rossa: 150 grammi tre volte alla settimana

  • Pesce: 200 grammi due volte alla settimana, escludendo le varietà grasse, affumicate o sott’olio

  • Formaggio: 60 grammi di quello stagionato o 100 grammi di quello fresco tre volte a settimana

  • Salumi: 60 grammi di speck, bresaola, prosciutto crudo e cotto due volte a settimana

  • Legumi: 50 grammi se sono secchi e 150 se sono freschi, surgelati o in scatola, due volte a settimana

  • Uova: una porzione da due, due volte a settimana

A 30 anni

A questa età molte donne affrontano un evento importante: la gravidanza. Iniziare i nove    mesi già in sovrappeso è un errore, perchè predispone a disturbi importanti come il diabete e rende il parto più faticoso. Senza contare che, poi, tornare in forma è un'impresa!
Tenendo a mente queste esigenze, la dieta ideale a trent’anni comprende quattro menu alla settimana a base di carne per fornire all’organismo il giusto apporto di ferro e di vitamina B12.
Anche le verdure a foglia verde, come rucola e spinaci, non devono mancare: sono ricche di acido folico, essenziale sia prima sia durante i 9 mesi di gravidanza e utile per prevenire la spina bifida. La tabella delle porzioni è la seguente:

  • Carne bianca o rossa: 150 grammi quattro volte alla settimana

  • Pesce: 200 grammi due volte alla settimana, esclusi però i pesci più grassi come aringa e sgombro, quelli affumicati o sott'olio

  • Formaggio: 60 grammi di quello stagionato o 100 grammi di quello fresco due volte alla settimana

  • Salumi: 60 grammi di speck, bresaola, prosciutto crudo e cotto due volte a settimana

  • Legumi: 50 grammi se sono secchi e 150 se sono freschi, surgelati o in scatola, due volte a settimana

  • Uova: una porzione da due, una volta a settimana

A 40 anni

La parola chiave a questa età è prevenzione, e questo significa un consumo leggermente inferiore di carne, a vantaggio del pesce, che è ricco di Omega 3, grassi polinsaturi che aiutano a tenere sotto controllo i grassi nel sangue.
Anche i legumi sono importantissimi: contengono fitoestrogeni, sostanze che, secondo alcuni studi, possono essere utili per proteggere l’organismo dall'insorgenza di alcuni tumori come quelli al seno e all’endometrio.
Infine, a quarant’anni non devono mancare dalla dieta la vitamina A e il suo precursore, il betacarotene: aiutano a mantenere sane pelle e mucose e a prevenire i disturbi cardiocircolatori. Si trovano soprattutto nei vegetali giallo-arancioni come carote, pomodori maturi e zucca.
Ecco la distribuzione settimanale più adatta:

  • Carne bianca o rossa:  150 grammi due volte alla settimana

  • Pesce: 200 grammi tre volte a settimana, esclusi però i pesci grassi, affumicati o sott'olio

  • Formaggio: 60 grammi di quello stagionato o 100 grammi di quello fresco tre volte alla settimana

  • Salumi: 60 grammi di speck, bresaola, prosciutto crudo o cotto, due volte a settimana

  • Legumi: 50 grammi se sono secchi e 150 se sono freschi, surgelati o in scatola, tre volte a settimana

  • Uova: una porzione da due una volta a settimana


Aggiungi ai preferiti Subscribe
sponsor:
 
sponsor:
 
sponsor:
 
sponsor:
 
Centri Info Diete
Dieta mediterranea Dieta ufficio Dieta 40-30-30 Dieta Anti cellulite
Dieta per Colesterolo - Anticolesterolo Easy Diet Dieta Vegetariana Dieta No Lattosio
Dieta Diabete Dieta Atkins Dieta Lemme Dieta Menopausa
Dieta 1200 Calorie Dieta Allattamento Dieta Ipertensione Dieta Diverticolite - Diverticolosi
Dieta Glicemia Dieta Depurativa Dieta Plank Dieta Ipolipidica
Dieta Iposodica Dieta Vegana Dieta Stitichezza Dieta Celiachia
Guide e Risorse
Diete Cellulite Dimagrire Fame Nervosa
Metabolismo Vip a Dieta Testimonianze  
Test & Tools
Tour Guidato Audio/Video Test: Le Tue Porzioni sono Giuste? Test: Quante Vitamine/Minerali Assumi?
Test: BMI e Profilo Dieta Calcolo Calorie Alimenti NEW