Top News  
  Pillole per Dimagrire, Funzionano?  
  Writer : Silvia Nava – Redazione Miadieta.it  
  [ 16-10-2007 ]  
 

Con il termine “integratori alimentari” si definiscono un gruppo di sostanze o di alimenti naturali che dovrebbero contribuire ad integrare il bisogno di nutrienti in caso di carenza o di aumentato fabbisogno, oppure a supportare l’organismo nelle necessità legate all’esercizio fisico (aumentare le masse muscolari , migliorare i meccanismi fisiologici di espressione della forza, ritardare l'affaticamento fisico durante l'allenamento e ristabilire più rapidamente il recupero dopo uno sforzo).

 

Nel nostro caso, ci soffermeremo sulla prima categoria di integratori: quelli utilizzati durante una dieta dimagrante. Una premessa, però, è d’obbligo. Seguendo una dieta seria e bilanciata, generalmente i cibi ingeriti sono sufficientemente ricchi dal punto di vista qualitativo e quantitativo, tanto più che l’organismo, ad eccezione dei grassi, non può immagazzinare surplus eccessivi di principi alimentari.

 

Nonostante questo, il mercato propone continuamente nuovi integratori alimentari, e non sempre le informazioni fornite a riguardo sono chiare e precise. Questo genera spesso una scorretta interpretazione degli effetti degli integratori, che può condurre ad un uso improprio ed esagerato di questi prodotti.

D’altro canto, questo non significa che gli integratori siano da condannare a priori: l’importante è che la scelta sia sempre guidata e supportata dai consigli di un medico nutrizionista. Anche in questo caso, come per la dieta in generale, il metodo del fai-da-te non paga.

Ma vediamo ora quali sono le principali classi di integratori dietetici presenti in commercio.

Integratori a base di fibra alimentare

Si tratta di sostanze vegetali, come il Glucomannano, la gomma guar, la cellulosa e l’inulina, che non vengono digerite dall'intestino, e una volta giunte nello stomaco formano una patina gelatinosa che conferisce un senso di pienezza riducendo lo stimolo della fame. Per ottenere l'effetto desiderato, questi integratori devono essere ingeriti con abbondanti quantità di acqua, avendo cura di non far coincidere la loro assunzione con quella di eventuali farmaci (inclusa la pillola anticoncezionale), che altrimenti non verrebbero assorbiti. Gli integratori a base di fibra alimentare possono provocare mal di pancia, gas intestinali e diarrea. Per questo, alcuni di essi, come la crusca e lo psyllio, vengono consigliati in caso di stitichezza.


Integratori a base di chitosano

Il chitosano è una sostanza di origine animale che si ricava dal guscio dei crostacei, e che possiede una struttura molto simile a quella della cellulosa. Una volta raggiunto l'intestino, il chitosano cattura i grassi presenti nei cibi, riducendo di circa il 30% la loro assimilazione. Come per gli integratori a base di fibra alimentare, anche questa sostanza può ridurre l'assorbimento dei farmaci, ma la maggiore controindicazione riguarda il possibile mancato assorbimento di alcune sostanze nutritive che normalmente vengono veicolate dai grassi presenti negli alimenti, quali vitamine e minerali. Inoltre, pur essendo ben tollerato, il chitosano è sconsigliato alle persone con manifesta allergia ai crostacei e al pesce.

 
     
   
   
  Collegamenti Sponsorizzati
______________________________
  Top Blogs - iscriviti al club
______________________________
  SONDAGGIO - iscriviti al club
Copyright miadieta.it, 2007. All rights reserved.