Top News  
  Miadieta.it ti Allunga la Vita!  
  Writer : Silvia Nava - Redazione Miadieta.it  
  [ 14-03-2007 ]  
 

Conosci qualche novantenne obeso? La risposta è quasi sempre no, perché, sfortunatamente, l'obesità impedisce di arrivare così in là con gli anni.

Su questo messaggio punta la Società Italiana dell'Obesità, per diffondere la consapevolezza che una corretta alimentazione migliora l'invecchiamento.

Noi di Miadieta.it lo crediamo, e per questo sosteniamo un programma che non solo ti aiuta a perdere peso, ma anche a imparare a mangiare nel modo giusto, sano ed equilibrato. E' questo il motto di tutte le diete pensate per rispondere alle tue esigenze. e per allungarti la vita!

I dati statistici, infatti, mostrano chiaramente che mentre attorno ai 65 anni il numero di italiani obesi è piuttosto elevato, se si passa alla decade estrema, 80 e più, il dato cala in misura rilevante.

Il motivo? L'obesità è un potente fattore di rischio per le malattie cardiovascolari e il diabete, che riducono fortemente l'aspettativa di vita. Altre conferme vengono dall'indagine Sinottica di GFK Eurisko, uno studio dell'evoluzione della società italiana condotto interrogando nel tempo un campione di 10.000 persone, rappresentativo della popolazione italiana.

E a proposito di sovrappeso, si nota che mentre nella popolazione generale le persone con peso normale sono il 57%, dopo i 64 anni sono soltanto il 40%.



Questo, in parte, dipende dal naturale rallentamento del metabolismo legato all'invecchiamento: con il passare degli anni si tende a bruciare meno calorie, ma a questo non corrisponde quasi mai una diminuzione dell'apporto calorico.



Da questo, capirai l'importanza di seguire fin da giovane una dieta bilanciata sulle tue esigenze: secondo gli esperti, posto che in media un adulto dovrebbe assumere 2500 calorie al giorno, è sufficiente un errore dell'1% in più ogni giorno, cioè 25 calorie, per determinare nell'arco di un anno un aumento di peso pari a 2,5 chilogrammi.



Con Miadieta.it puoi evitare questo tipo di errori, che accumulati negli anni portano ad arrivare ben oltre il proprio peso ideale. Non dimenticare, però, l'importanza dell'esercizio fisico, un adeguato livello di attività e di dispendio energetico possono far passare senza conseguenze gli scostamenti calorici.

E non pensare che serva chissà quale impegno! Si è calcolato che una persona sedentaria compie in un giorno 5000 passi: facendone 10000, che significa una passeggiata di buon passo di mezz'ora, il rischio di obesità si riduce a un terzo.

Senza contare che la mezz'ora di camminata può anche essere frazionata: tre camminate da 10 minuti non sono impossibili per nessuno.

E' una questione di cultura, così come lo è per l'alimentazione. I dati Eurisko dimostrano che, oggi, la popolazione è più attenta alla salute in termini di progetto, quindi di impegno per la prevenzione, e non soltanto di preoccupazione per malattie in atto.

Tra i comportamenti alimentari si sta diffondendo sempre più l'orientamento alla leggerezza (26% nella popolazione generale, 40% negli anziani) e al controllo di ciò che si mangia (8% e 20%).

Tuttavia, la trasgressione a tavola resta un fenomeno piuttosto diffuso (14% della popolazione). Se anche tu sei tra questi, rivolgiti a Miadieta.it: troverai la soluzione che cerchi, e sarai pronta per vivere cent'anni!

Silvia Nava - Redazione Miadieta.it

Fonte: Ansisa

 
     
   
   
  Collegamenti Sponsorizzati
______________________________
  Top Blogs - iscriviti al club
______________________________
  SONDAGGIO - iscriviti al club
Copyright miadieta.it, 2007. All rights reserved.